Dal 12 al 15 ottobre 2016 si svolgerà in Colombia, a Bogotá il 5° Congresso della Organizzazione Mondiale Città e Governi Locali Uniti – CGLU.

Partendo da Parigi nel 2004 (Congresso fondatore) le assemblee mondiali della CGLU si sono svolte nel 2007 a Jeju (Corea), nel 2010 a Città del Messico (Messico), nel 2013 a Rabat (Marocco).

Il 5° Congresso della CGLU segnerà una tappa particolarmente importante poiché si svolgerà subito prima della Conferenza Habitat III che sarà accolta dalla città di Quito (Equador) dal 17 al 20 ottobre.

In questi due incontri mondiali i rappresentanti dei Governi Locali si confronteranno per avviare e consolidare le reti operative impegnate nella realizzazione dei nuovi obiettivi dello sviluppo: la cosiddetta Agenda post 2015 , approvata dall’Assemblea dell’ONU a ottobre 2015 in continuità con gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio lanciati nel 2000.

Nel 2016 il Comitato Italiano Città Unite fornirà informazioni sulle attività ed iniziative della CGLU, sugli incontri preparatori al Congresso e alla Conferenza Habitat III e via via sui programmi di tutti gli appuntamenti previsti.

La preparazione del Congresso Mondiale della CGLU sarà anche l’occasione per verificare il nostro attuale assetto istituzionale, per rinnovare le cariche all’interno della nostra associazione e per aggiornare lo statuto al fine di adeguarlo all’attuale quadro legislativo ed in particolare agli indirizzi europei.

L’agenda 2016 della CGLU , consultabile sul nostro sito, sarà via via aggiornata e potrà essere accompagnata dai programmi specifici degli eventi ed iniziative.

Nell’obiettivo di fornire il proprio contributo alla realizzazione di progetti coerenti con l’Agenda post 2015 CICU è impegnato nella promozione, costruzione e realizzazione di azioni di cooperazione internazionale e in progetti specifici sui temi prioritari dei nostri territori.

CICU è particolarmente impegnato nella costruzione di una rete di collaborazione rivolta alla valorizzazione delle iniziative dei giovani della cosiddetta “seconda generazione”, cioè i figli delle famiglie immigrate, impegnati nel loro percorso di integrazione nella società italiana ed europea. Il progetto dal titolo “L’Identità Multiculturale delle Seconde Generazioni” è stato avviato all’inizio del 2016 in partenariato con il Consiglio Regionale della Regione Piemonte e varie associazioni.

Sollecitiamo chi fosse interessato al tema di contattarci.

Nello stesso modo sollecitiamo di segnalarci delle proposte sui temi dell’inclusione sociale e del ruolo degli EE.LL. e Regioni nell’attuazione dell’agenda europea per le migrazioni e delle proposte di progetto di cooperazione internazionale che affrontano il problema dei migranti. Saremo lieti di poter fornire il nostro contributo al fine di far circolare le proposte e di collaborare alla ricerca delle opportunità per rafforzarle e sostenerle.
Silvana Accossato
Presidente del
Comitato Italiano Città Unite